News

MotoGP – Il Ducati Marlboro Team sul circuito ” Double Face ” di Donington

StonerDopo gli impegnativi fine settimana di Mugello e Barcellona

Il Ducati Marlboro Team sul circuito " Double Face " di Donington

Dopo gli impegnativi fine settimana di Mugello e Barcellona, seguiti da due importanti giorni di test sulla pista catalana, il Ducati Marlboro Team si prepara ad altri due round di fila, su due circuiti storici del Motomondiale. Il primo, il GP d'Inghilterra, si corre su una pista dal layout particolare, con una prima parte velocissima e la seconda lenta e tortuosa, dove il meteo potrebbe ancora una volta essere una variabile importante.
La pista inglese infatti notoriamente non offre un "grip" eccezionale in caso di pioggia e le previsioni per il fine settimana sono, come spesso è capitato quest'anno, piuttosto incerte.
Casey Stoner non la ama particolarmente anche se ne ha ottimi ricordi perché è la pista dove ha debuttato nel motomondiale (2001) e dove ha corso due gare molto belle in MotoGP. Nel 2007 ha vinto dopo una bella rimonta dal settimo posto che occupava alla fine del primo giro per una partenza non brillante, e nel 2006, ottavo sullo schieramento di partenza, è giunto a meno di due secondi dal podio. Nel 2005, in 250cc aveva ottenuto il terzo posto.
Anche Marco Melandri a Donington Park può vantare una vittoria nel suo palmares, nel 2002 in 250. Nel 2001, nella stessa classe, aveva conquistato il terzo posto e anche in MotoGP, nel 2006 è salito sul terzo gradino del podio.

Livio Suppo, Direttore del Progetto MotoGP
"Andiamo a Donington dopo due giorni di test positivi per Casey in Catalunya sia con la moto del prossimo anno che con la GP8. E' un buon momento per lui che come al solito guida benissimo, come dimostra il capolavoro nel giro della pole di Barcellona e la bella battaglia con Valentino in gara. Marco invece dopo la Cina ha vissuto delle gare difficili ma stiamo lavorando per cercare di aiutarlo a ritrovare fiducia nei suoi mezzi e ad interpretare meglio la moto".

Stoner

Casey Stoner, Ducati Marlboro Team
"Donington non mi è mai piaciuta molto ma vi ho ottenuto anche qualche bel risultato e quindi mi suscita molti ricordi piacevoli. Nel 2006 nell'anno del debutto in MotoGP sono arrivato quarto, vicino al podio, mentre l'anno scorso abbiamo vinto. La gara era bagnata ma anche con le gomme da asciutto, nelle prove, eravamo andati forte. La prima parte del tracciato è davvero tosta, giù, lungo la "Craner" e verso l'" Old Hairpin" si frena stando piegati, con la moto che si muove qua e là. Altre curve invece sono molto più lente e rendono difficile trovare un set up giusto da gara per le due diverse sezioni: quella lenta infatti è importante perché è soprattutto lì che si fanno i duelli ed i sorpassi mentre in quella veloce fai i tempi e puoi ritagliarti un vantaggio o riprendere qualcuno che ti sta davanti. E' davvero un compromesso difficile".

Marco Melandri, Ducati Marlboro Team
Quello Donington è sempre un appuntamento un po' speciale per me visto che abito a poche miglia dal circuito. La pista è particolare, con una sezione molto veloce e una lenta ma a me piace abbastanza. L'incognita più grande a Donington è sempre il meteo: le temperature possono variare rapidamente e la pioggia può cambiare drasticamente le condizioni dell'asfalto. Per noi sarebbe un problema dato che abbiamo bisogno di ogni minuto di prove per trovare un set up che mi permetta di migliorare un po' il mio feeling. Avere sempre le stesse condizioni, cosa che non è quasi mai successa durante le gare precedenti, sarebbe comunque un inizio positivo".

Melandri

La Pista 
Donington Park è una pista dalle caratteristiche contrastanti: dopo i primi velocissimi due settori, infatti, la seconda metà del tracciato risulta particolarmente lenta e tortuosa. Nella prima parte, che comprende la "Craner Curve", una sequenza di curve destra-sinista-destra tra le più veloci del mondo, lo stile di guida fluido e la maneggevolezza nei cambi di direzione sono molto più importanti della potenza pura. La sezione Melbourne invece, aggiunta nel 1986 per portare la pista alla lunghezza minima regolamentare richiesta dai GP, contiene tre curve dove frenare forte e avere un'ottima accelerazione sono fattori determinanti. La messa a punto della moto è sempre una questione di compromesso tra diverse esigenze ma a Donington Park questo aspetto diventata decisivo e mette a dura prova piloti e tecnici. La pista è entrata nel calendario iridato nel 1987 prendendo il posto del circuito di Silverstone, a sua volta diventato sede del Gran Premio d'Inghilterra a metà degli anni '70 quando il TT dell'Isola di Man venne giudicato eccessivamente pericoloso per i GP.

Record ufficiale: Dani Pedrosa (Honda – 2006), 1'28.714 – 163.253km/h
Best Pole: Dani Pedrosa (Honda – 2006) 1'27.676 – 165.185km/h km/h
Lunghezza Circuito: km. 4,023
Gara MotoGP 2008: 30 giri (120.690 km)
Orario gara MotoGP 2008: 15:00 local time, 14:00 CET

Related Articles

Check Also

Close
Back to top button
Close
Close