News

Kawasaki ZX-6R by Rinchiuso

zx-6r Una special fatta in casa con tanta passione e un estro fuori del comune

SPECIAL K

zx6r SPECIAL TEST KAWASAKI ZX-6R M.Y. 2000
// Tuner: MASSIMO RINCHIUSO (RA)
// Potenza @ ruota: 108,05 CV a 13.170 giri/min
// Costo intervento: oltre 7.200,00 Euro

SENSAZIONE ON BOARD
Poco Performante All'anteriore, Ma Con Un Motore Pulito E Grintoso Nell'erogazione… Il Suo Punto Forte Resta L'estetica

CHIAVE DI LETTURA
Il gusto del self-made si rivela in una moto estremamente personale e ammirata da tutti. È questo ciò che piace di più a Massimo

Prova pubblicata sul numero 43 di Special, novembre 2007

L'autore di questa raffinata elaborazione su base ZX-6R m.y. 2000 è un appassionato, e geniale, ravennate di 34 anni. a sua creatura rappresenta il classico esempio di come si possano creare delle special molto belle e di alto livello senza spendere una fortuna e senza essere dei maghi della preparazione…

Testo: Pierangelo Benedetti
Foto: Roberto Brodolini e Igor Gentili
Tester: Massimiliano Gervasio e Sebastiano Zerbo

Con le vostre e-mail, i vostri commenti nei blog e nei forum ce lo avete chiesto e sottolineato più e più volte: “Vogliamo vedere delle special “normali”, non sempre i soliti mostri da 30.000 Euro del superpreparatore di turno”. Il messaggio alla fine ha colpito nel segno, la freccia ha squarciato il cerchio più piccolo del bersaglio, quello composto dalla passione per le moto e per l’elaborazione che risiede in ogni componente della redazione di Special. Ci siamo guardati in faccia, ne abbiamo discusso e alla fine abbiamo deciso di affiancare alle special più belle, veloci e costose le vostre creature, frutto di sacrifici economici e ore di lavoro tolte al sonno, o agli affetti… Possiamo dire che con questo servizio dedicato alla ZX-6R m.y. 2000 di Massimo Rinchiuso, un simpaticissimo giovane appassionato di Ravenna, comincia da parte nostra un nuovo modo di vedere il tuning, una diversa chiave di lettura che vuole fare di voi lettori i protagonisti della rivista. Andiamo ora scoprire l'immenso lavoro fatto nel suo garage da Massimo sulla ZX-6R, o su quello che ne rimaneva visto che la moto subì un brutto incidente in cui i danni al telaio erano notevoli, con il cannotto rientrato di oltre 5 cm, o per dirla come ci ha raccontato Massimo, la parte anteriore del telaio si era “fermata” sulla testa del motore!

zx6r QUANTO LAVORO SULLA CARENA…
Al primo impatto la 636 del 2000 non appariva molto snella. È su questo aspetto che Massimo ha lavorato molto, modificando una carena originale e adottando nuove parti. La carena è collocata ora più in basso ed è più vicina al pilota. L'intero perimetro è stato ridotto di circa 25 mm, sono state create le due sedi coniche per i fari poliellissoidali sovrapposti stile Ducati 999 ed è stata modificata anche la forma della presa d'aria frontale, raccordandola alle linee della carenatura. Anche il serbatoio è stato “preso di mira”… Ora è 4 mm più in alto nella parte vicina alla sella ed è stato modificato sui fianchi eliminando le parti concave che accoglievano il vecchio codone… Già, perché quest'ultimo non c'è più, sostituito dal più affusolato elemento derivato dalla ZX-6R del 2003/2004. Un lavoro di fino quindi, perché nel modificare l'estetica di una moto, sia fisicamente lavorando sulle parti originali, sia adottando nuovi elementi, è più facile perdere il senso delle proporzioni e della “linea” che ottenere risultati positivi. A completare il reparto estetico troviamo vari particolari… Al codone è stato applicato un portatarga della Mad Doctor's con indicatori di direzione e stop a led, il tappo serbatoio è della Euroracing, le pedane sono delle pluriregolabili firmate Arrow e gli specchietti, omologati, hanno gli indicatori di direzione integrati. Completa l'opera la verniciatura, l'unica cosa che Massimo non è riuscito a fare da solo, che è stata affidata alla Buch Design di Ravenna.

zx6r ASSETTO RACING
La ciclistica della ZX-6R è stata affinata in ogni reparto. Anteriormente troviamo la forcella di serie, ma dotata di un kit WP composto da molle, pompanti e olio, e “sfilata” di 5 mm per caricare un po' di più l'avantreno. Inoltre è serrata nella parte alta da una nuova piastra artigianale in Ergal 7075 provvista degli attacchi per l'ammortizzatore di sterzo Öhlins. Questa è stata ricavata da una lastra spessa 22 mm che una volta fatta tagliare a getto d'acqua è stata rifinita a mano, tranne la barenatura dei fori da 46 mm che è stata fatta in rettifica. Sparito il blocchetto di accensione, sostituito da un mini interruttore posto a lato della leva frizione tramite una staffettina in carbonio. Il reparto posteriore si fregia di un nuovo mono sempre firmato WP e i cerchi originali hanno lasciato spazio a una coppia di Marvic in magnesio. Davvero importante, quindi, il lavoro fatto sulle sospensioni. Anche l'impianto frenante è al top: Braking è il marchio scelto sia per i dischi anteriori che posteriori morsi da pastiglie PFC. La pompa anteriore è una Brembo 19×20 collegata alle pinze di serie da tubazioni in treccia Fren Tubo con raccordi in acciaio.

TRIOVALE ARTIGIANALE
Il terminale di scarico è un triovale in acciaio, come vuole la moda di adesso… Il particolare è stato realizzato manualmente con lamiera inox da 0,8 mm e saldato a TIG, usando una minipiegatrice autocostruita! Cose da fuori di testa… Per quanto riguarda la carburazione è stato adottato un kit molle, spilli e getti maggiorati della Dynojet, mentre per l'aspirazione un filtro aria BMC. Catena passo 520 della DID, corona in Ergal e pignone alleggerito compongono la nuova trasmissione finale. Alla prova al banco il motore ha fatto segnare 108,05 CV a a 13.170 giri/min e 64,95 Nm a 10.510 giri/min.

zx6r BENE IN PISTA, FORCELLA DA MIGLIORARE
Il test della 636 è stato effettuato sul circuito di Magione con due piloti d'eccezione: Massimiliano Gervasio e Sebastiano Zerbo. Il primo turno effettuato intorno alle 11:00 del mattino ha visto come protagonista Max, che si è sobbarcato tutto il lavoro di messa a punto. Entrato in pista ha compiuto qualche giro con un best lap di 1'28''00, ma fortemente insoddisfatto dall'assetto, ha voluto subito apportare delle modifiche alla forcella. “Il pneumatico anteriore è troppo usurato -rivela Gervasio- appena si entra in curva si avverte subito che non tiene. La forcella è troppo morbida. Il motore invece è buono, si arriva in fondo al rettilineo a 255 km/h indicati. A 14.000 giri/min conviene cambiare, ma se serve il motore ha sufficiente allungo per spingere bene fino a 14.700. Molto coinvolgente il sound di scarico”. Così diamo 4 giri di precarico alla molla, portiamo l'estensione a 1 click da tutto chiuso e la compressione viene chiusa completamente… Praticamente non c'era la forcella!
zx6r Max rientra in pista e nel traffico riesce a staccare un soddisfacente 1'22''40 e rientrando al box è più soddisfatto: “L’indurimento della forcella e il lavoro sulla compressione ha migliorato la situazione -riprende Massimiliano- certo, tende sempre a chiudere in inserimento, ma molto meno di prima. Di fatto però resta questo il suo principale punto debole, insieme ai pneumatici”. Anche Zerbo nota il medesimo problema… “Bisognerebbe rifare la forcella con molle più progressive perché in percorrenza “pompa” e non copia a dovere l'asfalto. Trasmette poca fiducia, ma è un problema risolvibile… In compenso però il motore è molto fluido e, nonostante l'età, è anche abbastanza potente. Davvero da matti tutto il lavoro sull'estetica, una special realizzata in maniere maniacale…”. E noi aggiungiamo che essendo fatta interamente nel garage di casa, senza l'aiuto di alcun preparatore, è davvero un'opera d'arte! Complimenti allo “specialista” di Ravenna…

SCHEDA INTERVENTO
ESTETICA
Tappo serbatoio Euroracing 85,00 Euro
Fari 80,00 Euro
Retrovisori con indicatori di direzione a led integrati 98,00 Euro
Portatarga Mad Doctor's con fanale, stop, luce targa e indicatori di direzione integrati 180,00 Euro
Grafica Buch Design 500,00 Euro
Materiale vario per componenti autocostruiti, Ergal, alluminio e carbonio 150,00 Euro
Pedane Arrow 350,00 Euro
MECCANICA
Filtro aria BMC 86,00 Euro
Corona, pignone, catena DID EVR3 170,00 Euro
Terminale (il solo materiale) 35,00 Euro
Kit Dynojet carburatori n.d.
Comando gas Domino 46,00 Euro
zx6r CICLISTICA
Dischi anteriori + posteriore Braking 480,00 Euro
Pastiglie PFC 168,00 Euro
Pompa ant. Brembo 19×20 210,00 Euro
Tubazioni in treccia Fren Tubo 86,00 Euro
Kit forcelle WP 350,00 Euro
Piastra di sterzo superiore artigianale n.d.
Ammortizzatore di sterzo Öhlins 310,00 Euro
Semimanubri Euroracing 120,00 Euro
Cerchi Marvic in Magnesio mod. Streamline 950,00 Euro
Mono WP 730,00 Euro
TOTALE (moto incid. e ripar. incl.) oltre 7.200,00 Euro

HIGHLIGHTS
-Lavorazione raffinata sulla carena
-Codone by ZX-6R m.y. ‘03/’04
-Verniciatura by Buch Design di Ravenna

Pagella
ESTETICA: UN LAVORO A DIR POCO RAFFINATO 30/30
MECCANICA: BUONA L'EROGAZIONE DEL MOTORE 28/30
CICLISTICA: UNA FORCELLA DA RIVEDERE 25/30
IN PISTA: SERVONO DUE PNEUMATICI NUOVI! 27/30

IL MOTORE È OK, LA CICLISTICA DA RIVEDERE. IL SUO PUNTO FORTE RIMANE L'ESTETICA 101/30

pregi
ESTETICA
SCARICO ARTIGIANALE

difetti
FORCELLA NON A PUNTO
PNEUMATICI USURATI

zx6r MASSIMO RINCHIUSO – "la mia storia"
massimo.rinchiuso@libero.it
www.smtt.it
”Amo le moto e tutto il loro mondo, la tecnologia in genere, sono affascinato dalle lavorazioni meccaniche sia manuali che automatizzate, amo e studio inoltre le lavorazioni in carbonio e vetroresina, ma soprattutto il “fai da te”. Passo quindi gran parte del mio tempo libero a provare tutto ciò che è possibile creare in un normale garage di casa… Non mi sento un vero motociclista, nonostante abbia 7 moto… Il mio vero divertimento è apportare modifiche, creare cose nuove e farle vedere. La mia più grande gratificazione è portare una moto da qualche parte e guardare la gente che ammira e commenta… Non c’è niente di più bello per me quando qualcuno mi dice bravo per qualcosa che ho fatto con le mie mani”.

www.smtt.it -SMTT (Saint Michel Tuning Team)
Nasce come sigla scherzosa per definire un piccolo gruppo di amici uniti da una grande passione per le special, oltre che per le moto in generale. L'elemento aggregante è il piacere di realizzare le modifiche "in proprio". Avere un mezzo esclusivo fa piacere, ancora di più se la sua esclusività è nata dalle proprie mani. Il sito quindi, vuole avere un impronta tendente a questa filosofia, accomunare appassionati di tuning a tutti i livelli, da chi è in grado di progettare e costruire componenti anche importanti, a chi vuole smettere di dover andare dal meccanico per le cose più semplici. Dal rapido sviluppo del sito è nato un vero e proprio moto club affiliato alla FIM, il Moto Club Alan Monti, in onore di un amico purtroppo scomparso. Il club ha avuto un discreto successo nella zona di Ravenna per quanto riguarda l’organizzazione di piccoli eventi, motoraduni e varie mostre, e vanta anche un team di minimoto che partecipa regolarmente ai vari campionati, il Pepper Cats Racing Team.

Related Articles

Back to top button
Close
Close