HomeNewsKawasaki Z750 by Mancinelli

Kawasaki Z750 by Mancinelli

Pubblicato

Z750 Il test sul circuito Isam di Anagni della Z750 Sport, seconda versione special della bella naked giapponese partorita dalla fervida fantasia di Carlo Mancinelli

 

SPECIAL TEST KAWASAKI Z750 M.Y. 2007
// Tuner: CARLO MANCINELLI
// Potenza @ ruota: n.d.
// Costo intervento: 7.500,00 euro

z750 Continua la saga delle Z750 firmate da Carlo Mancinelli. Dopo le due versioni basate sulla (ormai…) vecchia 2005 non poteva mancare un’accurata elaborazione del modello 2008. Il tuner romano si è concentrato molto su estetica e ciclistica, con un risultato finale di altissimo livello per componentistica e qualità realizzativa

Testo: Pierangelo Benedetti // benedetti@specialmag.it
Foto: Roberto Brodolini // brodolini@specialmag.it e Andrea Fazzari // fazzari@specialmag.it
Tester: Emanuele Freddo // freddo@specialmag.it

CHIAVE DI LETTURA
Le creature del Dottor Z sono sempre state curate nel minimo dettaglio. Dopo le due versioni del modello 2005 ecco l'ultima versione basata sul modello attuale, una moto curata con attenzione in ogni reparto.

HIGHLIGHTS
Mono Matris
Scarico Ajko
Pedane Bonamici Racing
Capriata forcellone
Colorazione

SENSAZIONE ON BOARD
In pista è la ciclistica a stupire. La forcella della 636 si “sente” eccome, unita anche al nuovo impianto frenante con le pinze e la pompa radiali. La posizione di guida e molto più sportiva grazie alle nuove pedane e al nuovo manubrio.

Carlo Mancinelli è veramente un osso duro. Il suo sogno, quello di realizzare un trofeo dedicato alla 750 Kawasaki, è cullato da una passione senza fine. Una passione che non si è mai fermata davanti a niente e che in tutti questi anni ha continuato a pulsare. Metter su un monomarca non è cosa facile, il “nostro” Carlo ne è ben consapevole, ma nonostante i mille ostacoli incontrati il lavoro intorno alla sua moto non si è mai interrotto. Dopo le due versioni sul modello 2005, di cui abbiamo parlato sui numeri 23 e 31 di Special, il “Dottor Z” (ormai in redazione lo chiamiamo così…) è tornato alla carica con la sua interpretazione del model year 2008. La nuova moto è davvero bella e curata in ogni particolare, soprattutto per quanto riguarda l’estetica e la ciclistica. Dopo varie peripezie (1° test, Anagni: pioggia – 2° test, Magione: “Senza dB-killer non puoi entrare”) l’abbiamo testata sul circuito ISAM di Anagni. Scopriamo nel dettaglio come è fatta e quale è stato il responso del nostro tester Emanuele Freddo.

Z750 Veste sportiva ma elegante
La prima cosa che salta all'occhio è sicuramente la nuova livrea, con quel verde tanto caro ai “Kawasakisti” doc. Codone e muso sono tinta unita, mentre sulla parte superiore del serbatoio sono stati usati anche il nero e il bianco per un tocco racing. Non si può non far caso al cupolino… È firmato Puig, ma ha una forma strana, mai vista. Il Dottor Z ci svela il segreto: “Quel plexiglas è della ER-6n, perché il modello Puig per la Z750 non mi piaceva, e l'ho personalizzato tagliandolo ai lati e modificandolo alla base”. Ora è infatti molto affilato e incattivisce la zona anteriore. Nella vista laterale spiccano le pedane in Ergal regolabili della Bonamici Racing, il puntale motore e due elementi di serie dai colori nuovi: i fianchetti del radiatore verniciati neri e le pedane del passeggero anodizzate. Sul codone troviamo il guscio originale Kawasaki monoposto e una nuova sella artigianale in alcantara. La soluzione che comunque arricchisce di più il reparto posteriore è la capriata di rinforzo per il forcellone di serie, un innesto tubolare che oltre ad irrobustire il complesso offre un qualcosa di originale a livello estetico. A completare l'intervento troviamo alcuni accessori aftermarket, come il portatarga New Label, gli specchi retrovisori Orion, manubrio e riser Rizoma. La Bonamici Racing, oltre alle pedane, ha fornito il tappo olio, i terminali manubrio e gli attacchi per il cavalletto posteriore, ovviamente tutto realizzato in Ergal dal pieno. Interessante poi l'adattamento degli indicatori di direzione: quelli davanti sono della ZX-10R 2007, mentre i posteriori derivano dalla sorella maggiore Z1000 2008.

z750 Trapianto d'organi da corsa
Profondo e interessante l'intervento sulle sospensioni. Il Dottor Z è stato artefice di una vera operazione chirurgica: ha espiantato la forcella, completa di pinze radiali, da una ZX-6R del 2005 “regalandola” alla sua 750, fissando il nuovo arto al telaio con una piastra di sterzo inferiore in Ergal by Bonamici Racing e mantenendo la piastra superiore di serie. La scelta della forcella è stata oculata soprattutto per quanto riguarda la zona di ancoraggio del cerchio: il perno ha le stesse dimensioni per entrambe le moto e quindi non c'è stato bisogno di intervenire sui cuscinetti. Stesso discorso vale per l'accoppiamento pinze-dischi, con il medesimo diametro di quest'ultimo sia per Z750 2007 che per ZX-6R 2005 (300 mm). Per la sospensione posteriore invece è stato scelto un monoammortizzatore Matris “Monoshock” pluriregolabile. Dalla stessa azienda Mancinelli ha “prelevato” anche l'ammortizzatore di sterzo M4R, la versione con azoto top di gamma Matris. L'impianto frenante invece è stato affinato con piccoli interventi: la pompa freno di serie è stata sostituita con una radiale di derivazione Z1000 e le tubazioni sono ora in treccia con raccordi in acciaio firmate Goodridge, marchio distribuito in Italia dalla Fast by Ferracci. Infine non poteva mancare un bel treno di pneumatici sportivi e la scelta del Dottor Z è stata sicuramente valida: Bridgestone BT002.

z750 Due ritocchi al motore
La preparazione del motore non è stata approfondita, come è invece avvenuto per ciclistica ed estetica. Mancinelli ha sostituito il terminale di scarico con un modello in titanio realizzato dalla Ajko di Ciampino (RM), che ha regalato leggerezza al reparto posteriore della naked giapponese e un sound incredibilmente “arrogante”. L'altro intervento ha riguardato invece la trasmissione finale, sostituita con un kit D.I.D GP passo 520 con rapporto modificato: la corona ha infatti due denti in più per una migliore accelerazione. Il preparatore sta comunque per completare la modifica al propulsore, provvedendo ad installare un filtro aria sportivo e una centralina aggiuntiva per sfruttare al meglio i nuovi componenti.

Non c'è due senza tre
Come detto in precedenza il test di questa Z750 è stato un vero calvario. Al primo appuntamento all'ISAM di Anagni, risalente ad aprile, al momento di entrare in pista il meteo ha tirato un brutto scherzo: scroscio d'acqua inverosimile e tutti a casa… A maggio invece splendida giornata, ma fonometro incorruttibile e lapidario commento del commissario di pista: “Senza dB-killer non puoi entrare, sei fuori di 7 decibel!”.
Z750 Così abbiamo dovuto “tirare la staccata” fino a luglio, di nuovo all'ISAM, e finalmente senza intoppi! Il nostro Emanuele Freddo ha testato sul nastro d'asfalto di Anagni la creatura del Dottor Z. Le impressioni sono state subito positive: “La moto si comporta bene sia sul veloce che nelle esse più strette e il merito va riconosciuto ad un anteriore stabile e massiccio. Il trapianto della forcella ha sicuramente giovato, anche alla frenata, con le pinze della 636 più performanti”. Emanuele, nonostante l'intervento limitato, è soddisfatto anche del motore: “Ha perso un po' di spinta ai bassi regimi guadagnandoli però in alto e la trasmissione finale accorciata aiuta ad uscire dalle curve. Il sound poi è davvero spaziale, difficile passare inosservati!”. Infine anche un giudizio sul comfort della moto: “La posizione di guida è racing: si sentono molto le pedane arretrate e il nuovo manubrio. Il rivestimento della sella invece è sicuramente bello ma un po’ troppo turistico”. Giudizio positivo su tutti i fronti, quindi possiamo dire che Il Dottor Z ha colpito ancora!

Z750 CURIOSITÀ TECNICA
L'elemento più interessante sulla moto di Carlo Mancinelli è senza dubbio la capriata di rinforzo del forcellone. Questa è ancorata tramite i dadi di serraggio della ruota posteriore e sulla traversina del forcellone.

PREGI
Estetica curata nel dettaglio
Forcella e pinze ZX-6R
DIFETTI
Sella poco sportiva
Motore non troppo elaborato

Z750 IL VERDETTO
Estetica 29/30
Curata in ogni dettaglio
Meccanica 26/30
Non molti gli interventi sul motore
Ciclistica 28/30
Possente con la nuova forcella e il mono Matris
In pista 28/30
La nuova ciclistica la rende più stabile e veloce

VOTO FINALE 102/110
L'intervento accurato ha regalato alla Z750 una veste più aggressiva e un ottimo comportamento in pista, ma con un motore “tranquillo”

SCHEDA INTERVENTO
ESTETICA
Verniciatura by CM Design
Plexiglas Puig modificato (tagliato ai lati e modificato alla base ex ER-6n)
Pedane regolabili Bonamici Racing
Puntale Puig
Fianchetti radiatore verniciati neri
Parafango ant. ZX-6R 2005 in vtr
Pedane passeggero anodizzate
Monoposto originale
Portatarga New Label
Indicatori di direzione ant. ZX-10R 2007
Indicatori di direzione post. Z1000 2008
Sella in alcantara by CM Design
Specchi retrovisori Orion
Manubrio 28 mm Rizoma
Riser Rizoma
Terminali manubrio Bonamici Racing
Tappo olio Bonamici Racing
Tappo serbatoio verniciato
CICLISTICA
Z750 Pompa ant. radiale Z1000
Forcella completa di pinze radiali e cerchio derivaz. ZX-6R 2005
Piastra di sterzo inferiore Bonamici Racing in Ergal dal pieno
Capriata di rinforzo forcellone by CM Design
Tubazioni freno in treccia Goodridge
Ammortizzatore di sterzo Matris M4R
Mono pluriregolabile Matris “Monoshock”
Pneumatici Bridgestone BT002
MOTORE
Terminale di scarico in acciaio Ajko
Kit trasmissione passo 520 D.I.D GP
TOTALE intervento: circa 7.500 euro

z750 SCHEDA PREPARATORE
Carlo Mancinelli nasce professionalmente negli anni settanta come titolare di un concessionario Kawasaki di Roma. Tra la fine degli ottanta e l'inizio degli anni novanta oltre all'attività commerciale dedica il suo tempo alla personalizzazione di modelli BMW e Harley-Davidson e al restauro di auto d'epoca. Nel 1996 fonda l”Associazione auto e moto d'epoca 133" che è anche sede dello Z Sport Club. Questo è dedicato a tutti gli appassionati e i possessori di Kawasaki Z750 e Z1000 desiderosi di scambiarsi pareri e opinioni e di incontrarsi per organizzare attività ed eventi.

INFOLINE
Associazione auto e moto d'epoca 133
Via Casilina Vecchia, 133 – 00100 Roma
Tel.: 06/78359360
Web: www.z-sportclub.it
Web: www.z-sportcup.it
E-mail: cm@z-sportclub.it

More like this

MotoGP risultati classifica gara Valencia, Bagnaia Campione

A Valencia, è arrivata la vittoria della Suzuki di Rins, ma, soprattutto, della Ducati e di Bagnaia, primo nella Classifica Assoluta, davanti a Quartararo e Bastianini.

Classifica MotoGP 2022, FINALE Mondiale Piloti e Costruttori e Team

MotoGP, le classifiche del Motomondiale 2022 Piloti e Costruttori. Le classifiche della stagione 2022, FINALI dopo il GP di Valencia.

MotoGP risultati classifica gara, Giappone 2022 Motegi

Jack Miller in sella alla Ducati ha dominato il GP del Giappone a Motegi e conquistando la sua prima vittoria stagionale. Bagnaia è caduto all’ultimo giro.