HomeNewsDucati Ascari

Ducati Ascari

Pubblicato

Ascari

 

  Custom Speed Ducati

  Ascari 1000 CR by WalzWerk
La Custom Speed Bike di Marcus Walz

WalzWerk è il nuovo progetto di Marcus Walz. Dopo le sue custom innovative, ora è il turno di queste Ducati essenziali, potenti e maneggevoli. Nate per essere godute fino in fondo: per il puro piacere della guida

Marcus è il fondatore e proprietario della Walz Hardcore Cycles ed è uno dei costruttori di moto custom più noti e stilisticamente influenti al mondo, attivo sulla scena custom da oltre 16 anni. Avendo già conquistato tutto quello che poteva essere ottenuto in questo campo ed essendo sempre alla continua ricerca di nuove sfide, è giunto dunque a fondare WalzWerk, attraverso cui ha iniziato a proporre la sua nuova idea di moto, che si vuole collocare a metà tra il mondo custom e le prestazioni spinte delle moto hi-tech. Mezzi che ricercano l’eccellenza delle prestazioni, costruite utilizzando il meglio dei componenti: qualità queste che si vanno a sposare con la natura esclusiva e radicale del “pezzo unico” delle moto custom. A rafforzare le sue intenzioni, Marcus ha voluto creare un genere nuovo per descrivere la sua idea: “Custom Speed Bike”. Che le si voglia utilizzare per serpeggiare tra stradine di campagna, inanellare tornanti tra passi di montagna o anche solo per un utilizzo quotidiano in città, le moto WalzWerk sono costruite con un unico scopo: essere guidate. Moto capaci di regalare emozioni in pista e che allo stesso tempo sembrano essere uscite dal podio del contest di un “bike show”.

 Solo 11 favolosi esemplari
La Ascari 1000 CR è costruita artigianalmente sulla base della Ducati SportClassic GT1000 ed è prodotta in serie limitata a soli 11 esemplari. L’obiettivo principale di questa elaborazione è quello di ridurre al massimo il peso totale e di ottimizzare le prestazioni del motore, senza penalizzarne l‘affidabilità e la fruibilità nell‘utilizzo quotidiano. Cominciamo ad analizzare questa Cafe Racer partendo dalla ciclistica, punto di partenza del processo costruttivo delle WalzWerk. Il telaio è stato modificato nella sua parte posteriore: l’alloggiamento della batteria dietro il motore è stato rimosso e sostituito da una staffa, ricollocandolo sotto la parte posteriore del telaio per alleggerire la linea. Per le sospensioni non si è badato a compromessi. All'anteriore troviamo una forcella Öhlins proveniente da una Ducati 999R, con pinze monoblocco Brembo derivate da una Ducati 1098R; l’officina WalzWerk ha inoltre creato ex novo una piastra di sterzo superleggera, anodizzata nera, come i semimanubri Gilles. Dietro è stato montato un monoammortizzatore sempre Öhlins. Per i cerchi si è optato per delle unità speciali in magnesio della PVM, nelle misure di 3,5“x 17“ davanti e 6,25“x 17“ dietro. La scelta degli pneumatici è ricaduta sui Pirelli Dragon Supercorsa, al fine di assicurare il necessario grip. Per un migliore dosaggio di frizione e freni sono state invece utilizzate leve Brembo pluriregolabili già sperimentate in MotoGP. Infine i dischi scelti da Marcus sono dei Braking Wave, dal caratteristico design a margherita per un‘ulteriore riduzione dei pesi. A completamento della elaborazione del “Rolling Chassis“, il telaio azzurro e il forcellone nero lucido sono stati entrambi verniciati a polvere.

Motore ultra light
È dunque arrivato il turno del motore, su cui Marcus ha cominciato montando un nuovo albero a camme scelto dal catalogo Ducati Performance. Si è poi passati alla sostituzione del volano in accaio, dal peso di 1,8 kg, con un’unità ultra leggera in alluminio di soli 500 grammi. Quello originale ora fa bella mostra di sé in officina, utilizzato come posacenere dai meccanici. Si è poi alleggerito (1,3 kg) l‘albero motore, riducendo notevolemte l'inerzia del propulsore, regalando così una maggiore manovrabilità ed una più pronta risposta dell'acceleratore. La frizione è stata ottimizzata tramite un cilindro MPL lavorato dal pieno e dotato di leggeri dischi in magnesio. L'impianto di scarico, ad eccezione dei silenziatori, è stato totalmente realizzato artigianalmente, badando scrupolosamente che i collettori anteriore e posteriore avessero la stessa lunghezza. Varie parti in carbonio completano la trasformazione del motore.

Look esclusivo per una moto unica… Anche nel prezzo
Altre parti accuratamente selezionate, come il faro della Harley-Davidson V-Rod, il tachimetro digitale Motogadget, le pedane di serie amorevolmente rielaborate o il filiforme portatarga dotato di mini indicatori di direzione e fanale posteriore a LED, fanno della Ascari un vero e proprio magnete per gli occhi: difficile che passi inosservata! Non bisogna dimenticare però che questa moto è fatta in primis per essere guidata: con circa 110 cavalli, un peso a secco di soli 150 chili e la maneggevolezza conquistata con il ragguardevole alleggerimeno delle masse rotanti, il piacere di guida è garantito. Anche in pista potrebbe dire la sua. Certo che il prezzo non è proprio da considerarsi “popolare”: per chi è dunque questa favolosa Ascari? Chi sostiene che 35.000 Euro spesi su una 1098R possano apparire come “troppo moderni o banali”, con 2.000 Euro in meno potrà assicurarsi un prodotto stilisticamente “eterno“ ed altamente esclusivo. Una “dream bike” ricca di classe e contenuti, che fa l’occhiolino alla grande tradizione italiana.

SCHEDA INTERVENTO
Prezzo: circa 33.000 €

ESTETICA
Telaio azzurro e forcellone nero lucido verniciati a polvere
Semimanubri Gilles anodizzati neri
Faro ant. by Harley-Davidson V-Rod
Tachimetro digitale Motogadget
Pedane di serie rielaborate
Portatarga con di mini indicatori di direzione
Fanale post. a LED
Parafango ant. in carbonio

 CICLISTICA
Telaio modificato nella parte posteriore, con nuovo alloggiamento per la batteria
Forcella Öhlins by Ducati 999R
Monoammortizzatore Öhlins
Piastra di sterzo superiore superleggera anodizzata nera
Pinze ant. monoblocco Brembo by Ducati 1098R
Dischi freno ant. Braking Wave
Cerchi in magnesio PVM, ant. 3,5“x 17“, post. 6,25“x 17“
Pneumatici Pirelli Dragon Supercorsa
Leve freno e frizione Brembo pluriregolabili

MECCANICA
Albero a camme Ducati Performance
Albero motore alleggerito (1,3 kg)
Volano ultra leggero in alluminio (500 gr)
Cilindro frizione MPL lavorato dal pieno
Dischi frizione in magnesio
Collettori artigianali

INFOLINE
WalzWerk
Pfälzer Ring 15
D-68766 Hockenheim
Tel.: (+49) 06205-7101
Fax: (+49) 06205-7211
www.walzwerk-racing.com

  Servizio completo su Special n°65
 
 

 

More like this

Classifica MotoGP 2022, Mondiale Piloti e Costruttori e Team

MotoGP, le classifiche del Motomondiale 2022 Piloti e Costruttori. Le classifiche della stagione 2022, aggiornate dopo il GP della Thailandia.

MotoGP risultati classifica gara, Giappone 2022 Motegi

Jack Miller in sella alla Ducati ha dominato il GP del Giappone a Motegi e conquistando la sua prima vittoria stagionale. Bagnaia è caduto all’ultimo giro.

MotoGP risultati classifica gara, San Marino 2022 Misano

A San Marino è arriva la quarta vittoria nel Motomondiale 2022 per Francesco Bagnaia e la sua Ducati. A podio con lui la Ducati di Bastianini e l'Aprilia di Viñales.
STICKY